La pulizia degli organi è uno dei precetti fondamentali per prendersi cura di sè.

La pulizia dei polmoni è una delle più importanti

Secondo la medicina tradizionale cinese, di volta in volta, bisognerebbe prendersi cura dei propri organi, ‘ripulendoli‘.

Il punto di vista della medicina tradizionale cinese…

Possiamo facilmente credere che non basti farsi la doccia e pulirsi le orecchie per definirsi ”puliti”. In medicina cinese e non solo, la pulizia vera e propria inizia da dentro, dai meridiani, dall’energia che ci attraversa e quindi dagli organi.

Anche da questo si spiega l’importanza della pulizia dei polmoni

L’energia che ci attraversa si chiama prana: il collegamento energetico tra lo spirito e la materia, tra i piani sottili e quelli fisici.

I polmoni rappresentano l’elemento metallo che è connesso anche all’organo pelle, considerato un organo emuntore e di scarto. Quindi riequilibrare l’elemento metallo con la pulizia dei polmoni consente anche alla pelle di espellere con più facilità le tossine dal corpo.

Rispetto a ciò che ci hanno insegnato fino ad ora nella moderna società, (che sia veramente moderna è da vedere, ma non è questo di cui ci stiamo occupando ora) ciò che importa è: mangiare, crescere e riprodursi e infine morire. Utilizzando quindi nulla di tutto ciò che l’universo ci mette a disposizione e del nostro potenziale di energie.

Spunti di riflessione…

Se leggete spesso i miei post, oramai saprete che spesso mi dilungo in introduzioni piuttosto dettagliate per poter giungere all’argomento con una certa centratura.

Ogni essere umano, connesso alla sua fonte spirituale con il proprio canale di comunicazione ha già tutto: vita e morte nello stesso momento, nel qui e ora.

Le solite frasi da giornaletto di filosofia dell’università, penserete voi, ma se non è d’accordo la vostra mente (che mente) almeno provate a fidarvi e a vedere se ciò che dico risuona con voi:

Ognuno di noi, prima o poi, è chiamato ad aprire il cuore, a mettersi ”al servizio”,

per comprendere che seguire la propria anima è l’unico motivo per il quale ci siamo incarnati su questa terra.

Vi sentiti unici e irripetibili? se non è così riflettete sul perchè. Di questi tempi di tempo a disposizione c’è ne un po di più. State con voi stessi.

A questo punto mi sono dilungata un bel pò, perciò riprendo l’argomento per il quale ho aperto il PC stasera:

La parola ai polmoni…

I polmoni sono sacri, rappresentano l’energia della tristezza profonda e dei forti traumi: spavento improvvisa, cambi repentini, tristezza e malinconia.

Sono rappresentati da un albero che si nutre dalle radici per poi irradiarsi verso ‘fuori’. L’ambiente esterno ci consente di scambiare i gas di scarto con l’ossigeno.

Come tutti gli alberi, va annaffiato con l’acqua (il vapore acqueo che si deposita al livello degli alveoli), per poi crescere rigoglioso e funzionante (la faringe e la laringe attraversate dall’aria )

Per crescere ci vuole coraggio, quindi se vi suggerisco una tecnica per ripulire i polmoni, mettetela in atto con volontà e amore.

Ripulire i polmoni significa rafforzare il coraggio e la gioia, che si contrappongono proprio a tristezza e paura.

Vi ricordo che si può lavorare sia sull’emozione che sull’organo connesso ad essa, con medesimo effetto.

prima di passare alla tecnica vera e propria nel dettaglio vi voglio ricordare alcuni altri dettagli energetici e turbo-emotivi connessi a questo organo fondamentale

  • L’intestino crasso appartiene al Movimento Metallo ed è quindi connesso al polmone
  • Il polmone rappresenta la prima barriera difensiva nei riguardi delle energie cosmiche
  • Cuore e polmoni sono interconnessi e possono inibirsi tra loro se l’energia non scorre adeguatamente
  • un cuore ‘arido’ può facilmente creare interferenze con la funzionalità del polmone
  • Il polmone è un organo emuntore: ovvero ci permette di espellere le tossine

per queste e oltre altre ragioni vi suggerisco il seguente trattamento/esercizio

La tecnica di pulizia dei polmoni…

  • Mettere i piedi con i lati interni parallele a una distanza uguale alla distanza tra le spalle
  • E’ un esercizio di consapevolezza del corpo fisico da effettuarsi ogni giorno per almeno 20 volte
  • tenetevi morbidi
  • lanciate le braccia in alto senza irrigidirle, finché il viso non segue le mani che saranno giunte oltre il capo
  • portate le mani giù come se voleste asciugare qualcosa
  • portate le braccia dietro la schiena con al testa che segue il movimento e va verso lo sterno
  • quando tirate su inspirate, quando tirate giù espirate
  • andrebbe fatto dalle 40 alle 100 volte al giorno ma gradualmente e sempre ascoltando i propri limiti e se il corpo è d’accordo

dopo questo esercizio potreste avere colpi di tosse o catarro che viene espulso naturalmente

Vi saluto e vi auguro una buona pulizia polmonare!!!

Sara D’agostini

Dott.ssa in ecologia – praticante di Alchimia Trasformativa, scrittrice, Naturopata, Floriterapeuta (fiori di Bach), Cristalloterapeuta, Riflessologa plantare (integrata), Autodidatta, Pranic Healer e Operatore olistico/ Spirituale


twitter: @medicinacineseS

 © RIPRODUZIONE RISERVATA- © TUTTI I DIRITTI RISERVATI
note legali – consultare le note legali e informative, presso questa sezione